Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie policy

Diacetile

Scritto da
primi sui motori con e-max

DiacetileDIACETILE

Il DIACETILE e definibile come un sapore di burro "butterscotch". E il tipico odore che si ritrova quando si annusa un sacchetto di pop-cor.

La soglia di percezione va da 10 a 40 mg/L.

Il DIACETILE e un prodotto generato dai lieviti durante la prima fase di fermentazione, che viene poi riassorbito dagli stessi, ma può essere anche derivato da contaminazioni e batteri lattici.

L'aroma di DIACETILE può essere confuso con l'Acido Butirrico (si trova soprattutto nel burro rancido, nei formaggi stagionati come il Parmiggiano Reggiano e il Grana Padano), Vanillina e Isobutyraldehyde.

Il DIACETILE non è sempre considarato un difetto, ma in alcuni stili di birra (Ale e Stout) viene ricercato, sulle Pilsner è ammesso a bassi livelli, mentre su tutte le altre Lager è considerato un difetto.

Le cause della presenza di questo sgradevole aroma si possono imputare a una fermentazione non corretta o a temperatura troppo bassa, lievito di scarsa qualità, vecchio o mutante o una quantità dello stesso non sufficente, contaminazioni o un raffreddamento del mosto troppo lento.

Le possibili soluzioni per oviare di ritrovare il DIACETILE nella birra sono: Eseguire una pausa Diacetilica a 23/24° per 2gg, mantenere la birra nel fermentatore più a lungo, usare lieviti nel corretto range di temperatura, cambiare tipo di lievito, usare del lievito fresco, raffreddare più velocemente il mosto, pulire, pulire e ancora pulire tutta l'attrezzatura. 

Foto:http://www.alchyseltzer.com/