Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie policy

Nonsolobirra.net 

Cel. 340.7132588 

 Email: info@nonsolobirra.net

In primo piano

Consumo moderato di alcol...

Interviste

Kraken Birrai per passione...

Beer & Food

Gargati alle trebbie...

Degustazioni

Corcolocia del birrificio Plotegher

Birraio dell’Anno 2017: i vincitori e la classifica finale

I giudici interpellati dal network Fermento Birra non hanno avuto dubbi: il migliore birraio per costanza e bravura del 2017 è Josiv Vezzoli del birrificio piemontese Birra Elvo di Graglia (BI). A Giovanni Faenza del birrificio Ritual Lab di Formello (RM) il titolo di Birraio Emergente.

Solfuro

primi sui motori con e-max

SolfuroSolfuro

Il solfuro è un aroma spesso definito anche come "lievitoso".

E identificabile anche come sapore di uova marce, uova sode, gamberetti, caucciù e fiammiferi.

La soglia di percezione e 4 mg/l

Il Solfuro è prodotto dai lieviti durante la fase di fermentazione e maturazione, viene generato sia dai lieviti a bassa sia dai lieviti ad alta fermentazione. La quantità di solfuro dipende dalla composizione del mosto, dal tipo di lievito, dalle condizioni di fermentazione e maturazione.

L'aroma e confondibile con quello generato dal diossido di zolfo, gas incolore molto solubile in acqua, Ethanethiol (Etantiolo), composto organico simile all'etanolo, usato per dare odore ai gas Propano e Butano, Metantiolo gas incolore caratterizzato dall'odore fetido simile al cavolo marcio.

Il solfuro e presente in tutte le birre e la concentrazione varia considerevolmente da birra a birra, viene considerato un difetto nella maggior parte delle birre, ma è un aroma caratteristico delle Burton Ale.

Le cause si possono imputare alla autolisi del lievito (processo biologico attraverso il quale una cellula si autodistrugge), contaminazioni batteriche, o da fattori contaminanti presenti nel malto come la metionina o la cisteina.

Le soluzioni anche in questo caso possono essere molteplici, sostituire il tipo di lievito e il tipo di malto, ossigenare correttamente il lievito, usare lieviti nel corretto range di temperatura, lasciare sedimentare il lievito (lagherizzazione), evitare contaminazioni (attrezzatura, lievito, acqua) e pulire, pulire e ancora pulire.

 

 

Foto:http://www.alchyseltzer.com/

 

 

 

Quote Rosa

Le Donne della Birra...

Le Donne della Birra tornano a Beer Attraction con un workshop...

Leggi tutto...

image caption module joomla

Ultimo birrificio inserito

Ultimo produttore inserito

Birrificio Agrilab

Leggi tutto...

image caption module joomla

 

Degustazioni offside

LABI

Venice Beach; Long Race; Crazy Rider; Thunder Hop

Leggi tutto...

custom joomla module with hover effect

Birra del mese

Corcolocia

Birrificio Plotegher

Leggi tutto...

easy image caption plugin

News

Il Veneto si dota di una legge..

Giornata storica per i birrifici artigiani veneti...

Leggi tutto...

easy image caption plugin

Segnalazioni

Il Birrificio Antoniano presenta la nuova gamma Craft

Il sipario si alza: Birra Antoniana...

Leggi tutto...

image caption module joomla

Italia

Il 2018 del B2O

Squadra allargata in casa B2O...

Leggi tutto...

easy image caption plugin

Curiosità

Seconda collaborazione russa per Canediguerra!

Insolita Stout chiara...

Leggi tutto...

image content caption module

Design by: www.diablodesign.eu