Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie policy

Nonsolobirra.net 

Cel. 340.7132588 

 Email: info@nonsolobirra.net

In primo piano

Pordenone beer show.. il mio resoconto

Interviste

Kraken Birrai per passione, la nostra presentazione

Beer & Food

Nonsolobirra Beefstew (stufato di manzo all'irlandese) con crostoni di pane croccante

Degustazioni

Degustata per voi: Corcolocia del birrificio Plotegher

Lucciola by Birra Ofelia

A Natale torna a disposizione Lucciola. Si tratta di una tripel da 7.5%, chiara ad alta fermentazione, con aggiunta di fichi secchi e uva passa in ammostamento. Il risultato è una birra morbida in bocca con note di fichi e uvetta, leggermente mielosa, il tutto armonizzato dal lievito belga d’abbazia impiegato

Solfuro

primi sui motori con e-max

SolfuroSolfuro

Il solfuro è un aroma spesso definito anche come "lievitoso".

E identificabile anche come sapore di uova marce, uova sode, gamberetti, caucciù e fiammiferi.

La soglia di percezione e 4 mg/l

Il Solfuro è prodotto dai lieviti durante la fase di fermentazione e maturazione, viene generato sia dai lieviti a bassa sia dai lieviti ad alta fermentazione. La quantità di solfuro dipende dalla composizione del mosto, dal tipo di lievito, dalle condizioni di fermentazione e maturazione.

L'aroma e confondibile con quello generato dal diossido di zolfo, gas incolore molto solubile in acqua, Ethanethiol (Etantiolo), composto organico simile all'etanolo, usato per dare odore ai gas Propano e Butano, Metantiolo gas incolore caratterizzato dall'odore fetido simile al cavolo marcio.

Il solfuro e presente in tutte le birre e la concentrazione varia considerevolmente da birra a birra, viene considerato un difetto nella maggior parte delle birre, ma è un aroma caratteristico delle Burton Ale.

Le cause si possono imputare alla autolisi del lievito (processo biologico attraverso il quale una cellula si autodistrugge), contaminazioni batteriche, o da fattori contaminanti presenti nel malto come la metionina o la cisteina.

Le soluzioni anche in questo caso possono essere molteplici, sostituire il tipo di lievito e il tipo di malto, ossigenare correttamente il lievito, usare lieviti nel corretto range di temperatura, lasciare sedimentare il lievito (lagherizzazione), evitare contaminazioni (attrezzatura, lievito, acqua) e pulire, pulire e ancora pulire.

 

 

Foto:http://www.alchyseltzer.com/

 

 

 

Design by: www.diablodesign.eu