Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie policy

Nonsolobirra.net 

Contatti e segnalazioni: 

 info@nonsolobirra.net

Birraio dell’Anno 2017: i vincitori e la classifica finale

Scritto da Fonte esterna
Categoria:

Birraio anno JosifBirraio dell’Anno 2017: i vincitori e la classifica finale

I giudici interpellati dal network Fermento Birra non hanno avuto dubbi: il migliore birraio per costanza e bravura del 2017 è Josiv Vezzoli del birrificio piemontese Birra Elvo di Graglia (BI). A Giovanni Faenza del birrificio Ritual Lab di Formello (RM) il titolo di Birraio Emergente.

Partiamo dalla categoria dei “Big”, dove la vittoria di Josif non è affatto banale, perché è la vittoria di una mano produttiva gentile, di chi preferito ignorare le mode, gli stili che vanno per la maggiore, le luppolature estreme, la frutta, le botti, in nome di birre semplici, figlie della genuina tradizione tedesca. Birra Elvo può essere considerato a tutti gli effetti un avamposto bavarese ai piedi delle Prealpi biellesi. Qui si producono tutte basse fermentazioni di una qualità come difficilmente se ne trovano anche in Germania: Pils, Marzen, Hellerbock e Doppelbock, con l’eccezione dell’immancabile Weizen.

Ha vinto un birraio la cui sfida quotidiana è quella di produrre birre pulite e di facile beva, che neanche l’aumentare dell’asticella etilica riesce a perturbare. Il bilanciamento tra i malti, un corpo dosato, fragranza e profumi sempre ben definiti, sono le carte vincenti di questo birrificio. La grande attenzione produttiva e soprattutto un lavoro in cantina rispettoso dei tempi di lagerizzazione, garantiscono nel bicchiere birre pulite e stabili, nonostante la rinomata fragilità di questi stili in ambito artigianale. Un segreto, in realtà è cosa nota, risiede nell’acqua. Qui le sorgenti locali ne fanno scorrere infatti di purissima, tra le più leggere d’Europa, quasi totalmente priva di minerali e perfettamente adatta alla produzione di tipologie di ispirazione bavarese.

Bisogna ammettere che nel giro degli appassionati evoluti e degli esperti c’è voluta un riscoperta delle basse fermentazioni, che ricominciano ad essere apprezzate e prodotte in maniera più diffuso (tanto che si parla di Italian Pils) per valorizzare il progetto di un birrificio come quello di Birra Elvo. La vittoria di Josif è dunque anche la vittoria di un modo di intendere la birra che vuol riscoprire le sue origini, è la dimostrazione che esiste un interesse crescente, anche da parte della critica, nei confronti di grandi classici: birre molto semplici da bere ma difficili da fare, birre spesso dimenticate, perché discrete, ma capaci di dare emozioni quotidiane.

Birraio anno emergente GiovanniNella categoria Emergenti, che riconosce il miglior birraio con un trascorso alla guida di un birrificio inferiore a due anni, trionfa Giovanni Faenza del birrificio Ritual Lab. Il premio dunque anche quest’anno, l’anno scorso aveva vinto Conor Gallagher Deeks di Bassano Romano, si ferma nei dintorni del lago di Bracciano, dove a Formello sorge il birrificio laziale che ha stregato pubblico e critica con un anno strepitoso.

Giovanni e il suo team hanno infatti saputo da un lato soddisfare la voglia di luppolo del pubblico romano con birre possenti ma sempre ben congeniate e dall’altro dimostrare creatività e eclettismo produttivo. Perché non di sole IPA risplende la gamma di Ritual Lab, visto che si contano splendide interpretazioni di stili classici come Pils, Bock e Stout. Una bella sfida quella degli emergenti che ha visto salire sul podio anche Stefano Simonelli del birrificio Vetra di Caronno Pertusella (VA), secondo, e Riccardo Di Profio del birrificio Rebel’s di Roma, terzo, e che conferma quanto nutrito è il “vivaio” della birra artigianale italiana.

Classifica Birraio dell’Anno 2017

Josif Vezzoli del birrificio Birra Elvo di Graglia (BI)
2° Marco Valeriani del birrificio Hammer di Villa D’Adda (BG)
3° Luigi D’Amelio del birrificio Extraomnes di Marnate (VA)
4° Mauro Salaorni del birrificio Birra Mastino di San Martino Buon Albergo (VR)
5° Alessio Selvaggio del birrificio Croce di Malto di Trecate (NO)
6° Agostino Arioli del Birrificio Italiano di Limido Comasco (CO)
7° Emanuele Longo del Birrificio Lariano di Dolzago (LC)
8° Matteo Pomposini e Cecilia Scisciani del birrificio MC77 di Serrapetrona (MC)
9° Alessio Gatti del birrificio Canediguerra di Alessandria
10° Valter Loverier del birrificio Loverbeer di Marentino (TO)
11° Conor Gallagher Deeks del birrificio Hilltop di Bassano Romano (VT)
12° Pietro Di Pilato del birrificio Brewfist di Codogno (LO)
13° Nicola Perra del birrificio Barley di Maracalagonis (CA)
14° Luana Meola e Luca Maestrini del birrificio Birra Perugia di Perugia
15° Gino Perissutti del birrificio Foglie d’Erba di Forni di Sopra (UD)
16° Marco Ruffa del birrificio CR/AK di Campodarsego (PD)
17° Luciano Landolfi del birrificio Eastside di Latina
18° Riccardo e Davide Franzosi del Birrificio Montegioco di Montegioco (AL)
19° Lorenzo Guarino del Birrificio Rurale di Desio (MB)
20° Andrea Dell’Olmo del birrificio Vento Forte di Bracciano (RM)

 

Classifica Birraio Emergente 2017

Giovanni Faenza del birrificio Ritual Lab di Formello (RM)
2° Stefano Simonelli del birrificio Vetra di Caronno Pertusella (VA)
3° Riccardo Di Profio del birrificio Rebel’s di Roma
4° Marco Gianino del birrificio Yblon di Ragusa
5° Samuele Cesaroni della Brasseria della Fonte di Pienza (SI)

Fonte: Fermento Birra

 

 

Design by: www.diablodesign.eu