Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie policy

Nonsolobirra.net 

Cel. 340.7132588 

 Email: info@nonsolobirra.net

Intervista a Davide de Silvi

Scritto da
Categoria:
primi sui motori con e-max

Abbiamo scambiato quattro chiacchiere con Davide De Silvi, la nostra intervista.

 

Brescia 10-06-2015

De SilviIn questo articolo vi voglio parlare del beer firm bresciano DE SILVI aperto nel 2013 da DAVIDE DE SILVI.

Come è nata l’idea di aprire un beer Firm e quali esperienze hanno nutrito la tua passione per la birra artigianale?

Per raccontare come è nata l’idea di aprire un Beer Firm dovrei raccontare tutta la mia vita, perché grazie a mia nonna (RACHELE), fin da bambino, ho imparato a conoscere la birra (Wuhrer) che veniva servita nella Trattoria-Albergo gestita dalla sua famiglia, e tutto ciò che è legato alla ristorazione.

La passione è poi cresciuta frequentando gli amici di mio fratello MATTEO (SCARDABBA’) che lavorano quasi tutti in cucina o in sala e grazie all’amico Luca Cominelli con il ristorante di suo padre (la Piazzetta).

In seguito con la mia famiglia ho girovagato per l’Italia visitando molti festival e birrifici e parlando con alcuni mastri birrai (tra tutti il più gentile e disponibile, Jurij del birrificio Almond) , sono arrivato ad aprire la mia attività.

Quando hai concretizzato la tua idea?

L’idea di aprire l’attività si è concretizzata quando il mio amico Sergio Venturetti si è proposto di farmi il sito web e le etichette e Riccardo Redaelli mi ha fatto le prime cotte al birrificio Babb.

Lo rifaresti?

Sicuramente, evitando gli errori di gioventù.

Raccontaci un po’ della scelta del nome della tua beer firm?

Il nome deriva dal cognome della mia famiglia DE SILVI appunto.

Hai in progetto di acquistare un tuo proprio impianto?

Si l’idea è di arrivare ad acquistare un impianto tutto mio per produrla direttamente.

Produzione annua?

La produzione annua attualmente si aggira intorno a quattro cotte da 1.000,00 litri circa ciascuna.

E’ presente un punto di mescita?

Al momento non è presente un punto di mescita diretto.

Come riassumeresti la filosofia del tuo beer firm?

Birre poco alcoliche e di facile bevuta.

La tua produzione, quante e quali birre hai ora in produzione? 

Attualmente produciamo tre tipologie di birra tutte in stile inglese e ad alta fermentazione.   

RACHELE, è una bitter da 4,8°, di colore ramato e con un gusto amaro e complesso dovuto al bilanciamento di malti tostati e luppoli inglesi.

SCARDABBA’, è una pale ale da 4,4°, di colore giallo/aranciato e dal gusto morbido con una tendenza dolce di malto caramellato con finale delicatamente luppolato e leggermente secco.

MINGHE’N, è una breakfast ale da 3,5°, di colore oro carico e con un gusto finemente speziato grazie all’infusione del Macis (spezia originaria delle isole Molucche) e all’utilizzo di luppoli alsaziani supportati dal corpo acidulo dovuto al frumento tostato.

Tipologia di distribuzione?

Tutte e tre le birre vengono prodotte in tre formati ovvero in bottiglie da 0,50 e da 0,75 l. e in fusti polikeg da 20 lt.

Dove si possono trovare le tue bottiglie?

Le mie bottiglie si possono nei locali indicati sul sito internet.

In che modo avviene la promozione delle birre?

Attualmente seguo direttamente la promozione delle mie birre presentandola in ristoranti, pub e birrerie e tramite la partecipazione a fiere ed eventi locali. Ho comunque come canali di propaganda il mio sito internet ( www.birrificiodesilvi.it ), facebook e smalfiland.

Il tuo cavallo di battaglia?

L’ultima birra che abbiamo prodotto: nata dalla voglia di utilizzare i luppoli alsaziani ed il frumento torrefatto per avere una birra leggera e morbida al palato e poi completata dalla felice intuizione di Francesco De Maldè (birraio BABB) di aggiungere il macis.  

C’è una birra che non hai mai prodotto ma la vorresti tanto fare?

Ci piacerebbe produrre una Porter.

Perché non l’hai mai prodotta?

Per ora non ne abbiamo mai avuto l’occasione, ma confidiamo nel prossimo futuro di poter aggiungere questa tipologia.

C’è una birra che hai assaggiato prodotta da altri che ti ha fatto esclamare perché non l’ho fatta io?

La Drago Verde del Birrificio di Lambrate.

Cosa ne pensi della forte espansione della birra artigianale in Italia?

E’ una cosa molto positiva perché da più consapevolezza al cliente finale e potrebbe offrire ancora più possibilità lavorative se venisse potenziata la produzione di orzo maltato e luppolo in tutta Italia.

Progetti futuri?

Consolidare e far crescere questa attività.

Sogno nel cassetto?

Trovare un buon commerciale e avere un impianto tutto mio per produrre autonomamente la birra, perché il bello è fare la birra.      

 

 

 

Design by: www.diablodesign.eu