Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie policy

Nonsolobirra.net 

Cel. 340.7132588 

 Email: info@nonsolobirra.net

Una visita in casa Camerini

Scritto da Chiara Andreola
Categoria:
primi sui motori con e-max

Cronaca di una giornata trascorsa al birrificio Camerini

 

Miotto Birra Camerini

Trovandomi in Veneto, ne ho approfittato per cogliere un invito fatto già da lungo tempo: ossia quello a visitare il birrificio Camerini di Piazzola sul Brenta, di cui ho avuto modo di parlare già in diversi post precedenti .

Curioso è il fatto che lo stabilimento si trovi accanto ad una palestra: peccato che a quanto pare gli atleti non siano sufficientemente informati sul fatto che la birra è un ottimo integratore, dato che - a quanto ci ha riferito in buon Giampaolo, nella foto, che ci ha accolti - la clientela in arrivo dagli spogliatoi potrebbe essere più numerosa: ad ogni modo la posizione rimane strategica per future possibilità di sviluppo in seguito a debita campagna informativa.  

Ok, basta con l'ironia e veniamo a noi.

Lo stabilimento non è enorme, ma è in crescita: il Camerini ha infatti messo in cantiere un progetto di ampliamento degli impianti, che dovrebbero auspicabilmente portare ad un' incremento dell'80% sui 380 ettolitri di produzione annua e consentire di varcare i confini italiani con la distribuzione. 

Trick Birra CameriniNon è poi solo la quantità di birra a crescere, ma anche il numero di birre prodotte: novità del 2014 sono state la Ink Ipa - che avevo avuto modo di assaggiare a Arte, Cultura e Luppolo - e la Trick, una Belgian Pale Ale pensata - per dirla con Giampaolo - "per essere bevuta facilmente, dai giovani, anche agli eventi e ai concerti, con preponderanti sentori di malto e lievissimi sentori di luppolo sostenuti da un buon corpo".

In effetti, è una birra leggera sia sotto il profilo della gradazione alcolica - 3,8 gradi - che della facilità a bersi; il tutto comunque senza sacrificare una buona consistenza del corpo.

Con un'insolita inversione rispetto a quanto più frequentemente accade, poi, l'erbaceo amaro del luppolo è ben percepibile all'olfatto ma lascia poi spazio al malto non solo nel corpo, ma anche in chiusura: insomma, il classico "retrogusto amaro" da luppolo qui non c'è, per quanto il buon equilibrio lasci comunque la bocca pulita. Una birra semplice ma non banale, che certo non deluderà chi cerchi i gusti semplici e puliti pur con un tocco di originalità.     

Nel farci visitare il piccolo spaccio annesso - con quattro spine pronte all'uso, più una serie di bottiglie ben disposte sugli scaffali - Giampaolo ci ha poi riservato una sorpresa: ha infatti stappato una bottiglia di una cotta sperimentale della Seducente, una American Ale dal colore ramato aromatizzata agli agrumi. Una sorpresa accompagnata da una sfida, alias "indovinate che frutto abbiamo aggiunto questa volta".

Ebbene, posso vantarmi di aver indovinato: il bergamotto, e nemmeno un bergamotto qualunque, in quanto il Camerini li fa arrivare direttamente da un agricoltore biologico calabrese.

Bisognerà aspettare che la birra arrivi alla giusta maturazione per dare un giudizio definitivo - la cotta risale infatti a poche settimane fa, e l'aroma del bergamotto tendeva ancora a sovrastare tutti gli altri -; ma le premesse per una variante della Seducente classica sono buone in quanto, a mio parere, il bergamotto è un accostamento indovinato agli altri aromi che la caratterizzano.

Ora non resta che stappare la bottiglia di Gioiosa - la numero 147 per la precisione - che ho portato a casa, la birra di Natale uscita in edizione limitata - 256 bottiglie: 2 come il civico del birrificio, 56 come i km di lunghezza della vecchia ferrovia Piazzola-Padova dal cui costruttore il birrificio prende il nome.

Come si suol dire, rimanete sintonizzati...      

 

Lo staff del portale Nonsolobirra.net, ringrazia Chiara Andreola

per la disponibilità e la collaborazione.

http:// chiaraandreola.blogspot.it/   

 

 

 

 

Design by: www.diablodesign.eu