Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie policy

Nonsolobirra.net 

Cel. 340.7132588 

 Email: info@nonsolobirra.net

Birrificio la Fucina la presentazione

Scritto da
Categoria:
primi sui motori con e-max

 

Birrificio la FucinaIl birrificio La Fucina – Beer Firm “termine che sta a identificare un birrificio che produce la propria birra presso altri impianti”- nasce nel 2012 dalla passione di tre soci – Angelo Scacco, Dario di Pasquale e Gianluca Scarselli – ognuno partito con esperienze professionali lontane dal mondo brassicolo, iniziata due anni fà con esperienze di homebrewing. Dopo molte “bevute” assieme (alcune delle quali hanno anche contribuito alla creazione d’idee improbabili) e dopo diverse cotte comuni, hanno deciso di creare La Fucina

La Fucina per loro rappresenta il desiderio di sperimentare e sfidare le convenzioni brassicole e non. Le birre ora prodotte dalla Fucina sono tre, tutte ad alta fermentazione rifermentate in bottiglia e in fusto, non filtrate e non pastorizzate, Lastrana, Mon Amour, Pellerossa e Bside birra prodotta in collaborazione con i birrifici Kashmir e Sannita , collaborazione che ha dato origine al progetto BSIDE BREW.

BSIDE BREW è il primo collettivo birrario molisano che ha come obiettivo la diffusione della cultura della birra, sia sul proprio territorio, sia a livello nazionale.

Per loro la birra non è solo una bevanda piacevole da bere, ma anche un modo di vivere. Le birre del collettivo Bside brew raccontano la storia loro e del loro territorio, storia fatta di amore, passione per il mangiare e il bere bene in compagnia. Il desiderio dei mastri birrai e quello di poter raccontare e condividere questa storia con tutti.

Il collettivo Bside Brew è composto attualmente da La Fucina, Kashmir e Sannita.

Torniamo a noi il nome la Fucina perchè?

La Fucina era originariamente il laboratorio del fabbro in cui venivano forgiati strumenti e utensili di ogni tipo. Col passare degli anni il termine la fucina è diventata nel linguaggio comune un vero e proprio laboratorio in cui operavano artigiani o addirittura alchimisti sempre intenti a sperimentare o a creare nuove leghe ed elementi. Proprio come le figure che popolavano le fucine medievali, noi nel nostro birrificio vogliamo cercare di rendere possibile ciò che sembra impossibile.

E’ presente un punto di mescita:

Al momento non abbiamo un nostro punto di mescita, in Molise abbiamo dei locali “amici” che ospitano, spesso, in anteprima le nostre birre, nei quali ci piace fare delle “incursioni” durante alcune serate.

La Fucina birreAnalizziamo ora la produzione della Fucina:

Lastrana,"niente è come sembra" birra in stile “porter rivisitato - coffee porter -” dal colore bruno scuro con schiuma compatta, al naso sentori di caffè e frutta secca tostata, in bocca colpisce con un amaro delicato corpo medio leggero che ne favorisce la bevibilità, grado alcolico 5%Vol.

Mon Amour,"il primo amore non si scorda mai" birra in stile blanche dal colore giallo paglierino con schiuma bianca compatta e persistente, al naso si avvertono note fruttate che ricordano la banana e gli agrumi che si ritrovano in bocca, accompagnati dal corpo dei malti e dalla pungente speziatura, grado alcolico 5%Vol.

Bside, birra brassata in collaborazione con i birrifici Kashmir e Sannita in stile APA, prodotta utilizzando luppoli come il giapponese Sorachi Ace e l’americano Cascade dal colore ambrato, limpida con schiuma mediamente persistente colpisce al naso per i suoi aromi agrumati ed esotici, in bocca è predominante l’amaro dei luppoli e si avvertono note agrumate e di frutta esotica riscontrate al naso, grado alcolico 5.2%Vol.

Pellerossa,"Che cosa ho fatto ieri sera" Birra in stile tripel, dal colore rosso con una schiuma bianca abbastanza persistente. Si avvertono aromi di crosta di pane e frutta secca che vengono seguiti in bocca da un corpo deciso e dalla sensazione alcolica. Tenete alla vostra "pelle"?, grado alcolico 8%Vol.

Tipologia di distribuzione “fusti bottiglie”:

Al momento distribuiamo le nostre birre nei formati Fusto 20 litri, Fusto 30 litri, Bottiglie 33cl e 75cl; la nostra produzione è così suddivisa 30% fusti e 70% bottiglie.

Dove si possono trovare le vostre bottiglie:

Le nostre birre sono in vendita in Molise (5 locali), Salerno (BAI), Napoli (Birsciò), Caserta, Roma, Milano, Firenze (Archea), Pescara (Arbiter Bibendi). Abbiamo inoltre dei contratti con alcuni distributori in Calabria, Campania, Lazio e Lombardia.

Il vostro cavallo di battaglia:

Senz’altro la Mon Amour è la birra che ci rappresenta, infatti il nome deriva dal fatto che è stata la prima ricetta brassata insieme e quindi andata in produzione. Il risultato ci soddisfa pienamente non solo per le buone recensioni ricevute ma anche per i volumi di vendita.

C’è una birra che non avete mai prodotto ma la vorreste tanto fare:

A noi piacciono molto le barley wine, ad esempio la bommen & granaten di De Mulin.

Perché non l'avete mai prodotta/e:

Perché stiamo ancora studiando come realizzarne una nostra versione personale.

C’è una birra che avete assaggiato prodotta da altri che ti ha fatto esclamare perché non l’abbiamo fatta noi:

Non possiamo dare una risposta unica per tutti e tre, ognuno ha le sue preferenze!

Angelo: Gueuze 100% Lambic - ReHop (Toccalmatto)

Gianluca: 10 & lode (Opperbacco) - Bitter & Twisted (Harviestoun)

Dario: Halcyon (Thornbridge) – Ghisa (Birrificio Lambrate)

Cosa ne pensate della forte espansione della birra artigianale in Italia:

Noi crediamo che come tutti i mercati in forte crescita ed espansione sta iniziando ad ospitare, come già in passato degli ottimi birrifici, ma anche una serie di birrifici che producono birra innanzitutto come business e meno come passione.

Progetti futuri:

In questi giorni stiamo pianificando delle attività di vendita in UK e in Francia. Quest’anno vorremmo fosse l’anno del nostro sviluppo commerciale non solo in Italia, ma anche all’estero.

Sogno nel cassetto:

Aprire un brew restaurant in Molise creando una rete di produttori e artigiani del gusto che credano nel nostro concetto di innovazione e sperimentazione mantenendo il legame con il territorio e la nostra tradizione. Un luogo in cui le persone possano vivere un’esperienza completa della realtà molisana. Il nostro desiderio è che le persone guardino al Molise non attraverso stereotipi e luoghi comuni ma ne apprezzino la vera essenza.  

La sede del Beer-Firm La Fucina si trova a Isernia, prossimamente avremo l’occasione di testare le loro birre, per confermare o rettificare quanto sopra scritto, per il momento ringraziamo e auguriamo a tre birrai della FucinaAngelo, Dario e Gianluca – buon lavoro e soprattutto buone birre.

 

 


 

Design by: www.diablodesign.eu