Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie policy

La Degustazione

Scritto da
primi sui motori con e-max

Già, le proprietà di questa bevanda sono ormai celeberrime.

Ma se queste utlime sono ormai fuori discussione, ci sono ancora alcuni consigli da seguire prima di assaporare un bicchiere di birra, perchè degustarla diventi un vero e proprio piacere.
 

CONSERVAZIONE: la birra deve essere conservata in luoghi asciutti e ben areati, che abbiano una temperatura costante compresa fra i 18 e i 20 gradi.

POCA LUCE
: la birra gradisce la penombra. Non a caso infatti le industrie imbottigliano la birra in contenitori di vetro ambrato o verde, attraverso i quali la luce filtra con maggiore difficoltà.

NO ALLE CATTIVE COMPAGNIE: la qualità della birra che bevete dipende anche dagli alimenti che vengono immagazzinati insieme con essa. Se emanano odori troppo pungenti o fastidiosi, è logico che anche la birra se ne impregnerà, proprio come la vostra torta gelato preferita se riempite il frigorifero di pesce affumicato!

FRESCHEZZA: guardate l'etichetta. Sulle bottigliette è scritta la frase "da consumarsi preferibilmente entro..." cui segue l'indicazione della data di scadenza. Prendetene nota prima di berne il contenuto.

I fusti invece devono essere consumati entro brevissimo tempo e, una volta aperti, dovrebbero essere terminati al massimo nel giro di quarantott'ore: più il fusto rimane aperto e più la birra si deteriora, si ossida, conferendo al gusto un sapore acidulo che, mentre per certe birre è appositamente creato, in altre è indice di scarsa qualità.

SPILLATURA: la spillatura è un'arte. Prima di tutto non bisogna mai chiedere una birra senza schiuma. In Italia, dove il consumo delle birre a bassa fermentazione rappresenta la stragrande maggioranza, questi prodotti vanno versati o spillati con due dita di schiuma, il più compatta possibile. Per alcune birre ad alta fermentazione, come le bitter ales inglesi ad esempio, la schiuma è un optional, anzi in Inghilterra è addirittura un difetto.

La schiuma è necessaria per due motivi: innazitutto perchè questa fa da "coperchio" naturale al prodotto che, in caso contrario, perderebbe il suo aroma e la sua fragranza con più facilità; poi perchè senza la schiuma la bevanda subisce un più veloce innalzamento della temperatura, che non consente alla birra di esprimere le sue migliori qualità.

IL BICCHIERE: ecco un altro elemento fondamentale per la riuscita della spillatura. Dietro la forma dei bicchieri per la birra esiste una tradizione e studi più recenti che hanno contribuito a creare una vera e propria scienza del vetro al servizio del prodotto per cui non solo è importante degustare un certo tipo di birra nel suo bicchiere, ma identificarlo addirittura con quello di una marca.

LA PULIZIA: versare o spillare la birra in un bicchiere perfettamente pulito è anch'essa essenziale per esaltare le caratteristiche di queso prodotto.

Evitare pertanto di usare brillantanti per far luccicare a nozze il bicchiere in quanto, benchè possano abbagliare gli occhi del bevitore, ne straziano le papille gustative!

Infatti il sapore di questi detergenti passa dal bicchiere alla stessa birra, variandone irrimediabilmente il gusto: si scopre la loro presenza dal fatto che distruggono velocemente la schiuma.

Se non c'è schiuma è possibile che: il prodotto è stantio, il bicchiere è stato lavato con troppo zelo (il famigerato brillantante!) o non lavato affatto (se c'è grasso nel bicchiere la schiuma fa delle bolle eppoi scompare).

ESAME VISIVO, OLFATTIVO E GUSTATIVO:

Secondo alcune filosofie orientali, nutrirsi è un atto che deve essere fatto con "consapevolezza", ossia apprezzando il cibo che stiamo per introdurre in bocca, attraverso l'esame di tutte le sue caratteristiche. Questa consapevolezza noi possiamo acquisirla tramite quella che viene comunemente chiamata "degustazione". E la degustazione possiamo applicarla anche alla birra, ne più ne meno come faremmo con un altra bevanda o cibo. Vediamo quindi alcuni suggerimenti su come degustare al meglio una birra.

 

Spillatura le varie tipologie:          

Tedesca: Si mantiene il bicchiere verticale e si fa cadere la birra formando la schiuma. Cosi' facendo occorrono almeno 3 operazioni di caduta birra. La schiuma deve formare un bel cappello che resta circa 2 cm nel bicchiere ed in parte fuoriesce nella parte superiore (in genere senza colare sulle pareti esterne). La tradizione vuole che la spillatura tedesca duri 7 minuti.

 

Belga/Olandese: Si riempe il bicchiere inclinato finche' la birra non esce dal bordo del bicchiere e si taglia con una spatola la schiuma in eccesso lasciandola comunque consistente nel bicchiere. Si immerge poi il bicchiere in acqua per pulirne le pareti esterne.

 

Inglese: Si apre il rubinetto prima di inclinare il bicchiere. Si riempie quindi il bicchiere senza formare troppa schiuma (a volte completamente assente in quegli stili di birra). Si lascia riposare qualche minuto la birra e poi si serve.

 

Ecco un piccolo schemino per capire come la nostra bocca ci trasmette le varie senzazioni,
i vari sapori e..... che la birra ci propone 
 
Bocca descrittori

    

Fonte: InfoBirra.