Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie policy

Nonsolobirra.net 

Cel. 340.7132588 

 Email: info@nonsolobirra.net

Birrificio La Dinda

Scritto da
Categoria:
primi sui motori con e-max

 

Le sorelle Toso, ci presentano il loro birrificio

 

La DindaLa Società Agricola la Dinda nasce nel 2011 in concomitanza con l’acquisto di un antica cascina sita sulla sponda sinistra del torrente Belbo. 

Dopo quasi due anni impiegati per il processo di ristrutturazione che ha consentito di esaltare la bellezza che era stata celata dal passare degli anni e dall’abbandono, viene fondato il primo birrificio operante nel comune di Santo Stefano Belbo, in provincia di Cuneo.  

La Dinda, sorge all’interno di un antica cascina in pietra, dove è stata istallata una sala cottura da 20 ettolitri a tre tini, completata da una serie di fermentatori da 40 ettolitri ciascuno e, a facilitare il lavoro e stata istallata una moderna linea di imbottigliamento.

Dato il legame de La Dinda con il territorio delle Langhe e la volontà di tutelare l’ambiente, al fine di produrre l’energia necessaria al processo di produzione, sul tetto dell’azienda è stato collocato un impianto fotovoltaico da 20 KWP. Inoltre, sempre per mantenere una filosofia ecosostenibile, per produrre il calore necessario per la cottura ed ebollizione del mosto, così come quello necessario al riscaldamento dello stabile, La Dinda dispone di caldaia a biomasse legnose ricavate dai boschi e dalla potatura dei 5 ha di vigneti di proprietà dell’azienda.

Le artifici di tutto ciò sono due sorelle, Federica ed Elisa Toso, Federica nata nel 1988, si è laureata in Scienze Gastronomiche presso l’Università di Pollenzo (CN) e nel 2013 ha conseguito la Laurea Magistrale in Scienze e Tecnologie Alimentari presso l’Università di Torino. Presso La Dinda, cura la parte agricola dell’azienda, così come l’approvvigionamento delle materie prime necessarie al processo produttivo della birra e lo svolgimento dello stesso, supportata e aiutata da Pietro.

Elisa è nata nel 1991 e si è diplomata al Liceo della Comunicazione. Dopo un breve corso di grafica è entrata in azienda nella quale rappresenta la mente artistica e creativa. In birrificio, le sue attività spaziano dall’ideazione delle confezioni dei prodotti ai contatti con i fornitori.

Sebbene l’azienda agricola La Dinda sia molto giovane, l’insediamento dell’azienda è tutt’altro che recente, essendo la proprietà regolarmente iscritta nel catasto comunale di Santo Stefano Belbo fin dal 1323. All’epoca erano infatti venuti a mancare i principali motivi (incursioni e scorrerie nemiche) che fino ad allora avevano sempre spinto la popolazione agricola a trasferirsi in posizione elevata rispetto alla pianura e la proprietà, con le sue ampie distese pianeggianti, agevoli da coltivare, adagiate lungo la riva sinistra del torrente Belbo e al tempo stesso adiacente al paese, cominciò a rappresentare un appetibile possedimento per svariate famiglie di proprietari terrieri che a lungo se lo contesero.

La tenuta fu possedimento del Conte Incisa Beccaria che risiedeva nella vicina proprietà, oggi trasformata nel Relais San Maurizio  e, successivamente, fu acquistata dalla famiglia Bellino, originaria di Genova.

Ad oggi la produzione de La Dinda consta in una etichetta: La 2 Sorelle Agricola Bionda

2 Sorelle La Dinda

 

La 2 Sorelle Agricola Bionda è una birra ad alta fermentazione, moderatamente alcolica e caratterizzata da un giusto equilibrio tra il dolce del malto e l’amaro del luppolo.

Si tratta di una birra in stile belga, non pastorizzata e rifermentata in bottiglia.

Disponibile nei formati 33cl, 50cl, 75cl e 1,5L

 

 

LA DINDA s.s. 

Società Agricola di Federica ed Elisa Toso

Loc. San Maurizio, 5  12058 S. Stefano Belbo (CN)  www.ladinda.it  

 

 


 

Design by: www.diablodesign.eu